ALBERTOSIPIONE

siracusaperiferica Libro CD

25-03-2018 18:48

url: permalink

IMG_5051.jpgIMG_5052.jpgIMG_5053.jpgIMG_5054.jpgIMG_5055.jpgIMG_5027.jpgIMG_5028.jpg

Un libro di fotografia, diversamente dal libro di scrittura, parla con le immagini, spiega e descrive, argomenta e convince, oppure non convince affatto con il "semplice" uso dei segni. Per questo, un argomento come l'assetto urbanistico delle periferie, nello specifico, quella siracusana, non può trovare codice comunicativo migliore se non quello visivo che l'autore Alberto Sipione ci propone nel suo libro, Ma a rendere più eloquente il discorso sulle periferie sono, in aggiunta, le musiche originali (electro music) del M° Max Scordamaglia. ( Fotoreca Siracusana )

CD+LIBRO 20 euro

siracusaperiferica THE ALBUM

image1.jpgimage2.jpgimage3.jpg


Siracusa periferica: l’album ( Testo Massimiliano Scordamaglia )

Quante immagini girano sulla Rete e quanta musica si produce, eppure accadde che le foto di Alberto Sipione si distinsero dalla massa e mi piacquero al punto da scrivergli e complimentarmi, scoprendo con non poca sorpresa che a sua volta mi conosceva e apprezzava le mie composizioni.
Immagine e suono, due mondi distanti ma non contrapposti, distribuiti uno nello spazio, l’altro nel tempo, domini diversi ma strettamente legati. Solitamente la musica si sposa con l’immagine in movimento ma perché mi sono detto, non creare una vera e propria colonna sonora ad una foto, ad un singolo istante. Nell’accezione deleuziana, la fotografia non e’ un fotogramma, perciò parliamo di fatto di un oggetto diverso dal cinema, qualcosa capace di contenere una narrazione tutta sua, l’intera sceneggiatura di forme e colori, sensazioni e storie che vediamo nel tempo e nello spazio, ben oltre i limiti presunti del singolo momento ritratto. Certo, serve un grande fotografo e Alberto lo e’ perché sa coinvolgere l’osservatore e proiettarlo nel suo cosmo.
In realtà Alberto va oltre. Egli stratifica il messaggio, sa arricchire di innumerevoli significati i suoi palazzi, gli interni delle case, gli oggetti abbandonati o semplicemente il blu del cielo e del mare e anche questo, Alberto lo sa, mi piace tantissimo.
Nella sua fotografia vincono l’equilibrio e le proporzioni delle forme eppure la narrazione e’ feroce, talvolta rabbiosa. Ha istinto, l’irrazionalità incandescente dell’artista che si esprime in prospettive da manuale, terzi perfetti e un controllo impressionante.
Mi riconosco in questa dicotomia espressiva, perciò trovarci al centro di un lavoro unico e comune e’ diventato inevitabile, persino necessario.
Compreso che si poteva fare, farlo e’ stato facilissimo, quasi ovvio. Delle foto ho usato le forme come scansioni temporali, ho transcodificato le prospettive in armonie e infine ho lasciato che le sensazioni guidassero le melodie.

Naturalmente parliamo di musica generativa, quella serie di processi stocastici ed automatici creati attraverso algoritmi preordinati ma dall’esito indeterminato. Dismesse le vesti di programmatore, il mio ruolo si limita a concepire un andamento, decidere gli strumenti, una struttura di massima e la scansioni degli eventi ma quello che succederà, che tipo di armonie risulteranno, come le linee melodiche sapranno arricchirsi a vicenda e mescolarsi, è al di fuori del mio controllo, laddove decide la macchina, ciò che chiamo Audiodrone, un sequencer MIDI abbinato ad una daw.

Un aspetto importante da comprendere è l’unicità dei brani, come detto casuali quindi unici ed irripetibili. Potrei rilanciare i programmi milioni di volte senza riottenere la stessa canzone, simili nella struttura certo ma mai uguali, talvolta molto distanti melodicamente e armonicamente
Per “Siracusa Periferica” ho sviluppato nuovo funzioni e creato nuove regole sulle sequenze melodiche con un occhio di riguardo alle temporizzazioni e alla forma in generale. Per il progetto ho voluto pero’ spingere sul connubio tra musica generativa e rumore/suono, con innesti, integrazioni, compenetrazioni di vario livello e grado di musica elettronica, elettroacustica, rumore, campionamenti e sequenze concrete laddove la forma espressiva richiedeva l’utilizzo dell’una e dell’altra tecnica. Naturalmente non esiste separazione, tutto concorre ad esprimere la mia interpretazione emotiva e stilistica delle immagini di Alberto.

C’è voluto del tempo per sposare libro e cd abbinato, un anno esatto dalle prime foto di Alberto e le prime sequenze. Da parte mia la creazione dei brani intesi come insieme di algoritmi e il resto del materiale sonoro, ha richiesto relativamente poco tempo, circa quattro o cinque mesi, poi una lunga fase di produzione e post-produzione con infinite rettifiche e parziali riscritture in particolare sull’elettronica, un coordinamento non banale tra i nostri progetti ma alla fine libro e CD hanno visto la luce.

Il consiglio che posso dare e’ di ascoltare tenendo le fotografie innanzi, sentire i suoni circondare le forme, ascoltare le armoniche riempire i volumi e le frequenze rimbalzare tra le architetture. Ovviamente immagini e musiche hanno vita autonoma ma l’insieme e’ senza alcun dubbio superiore alla somma delle parti.
Sono soddisfatto del risultato finale, incantato dal lavoro di Alberto che spero di essere riuscito a valorizzare oltre la già alta qualità che lo contraddistingue.
Per tutte le altre informazioni e approfondimenti, troverete molto altro su queste pagine e sul sito di Alberto Sipione.
Buona visione e buon ascolto.

Acquista libro e CD su
www.albertosipione.it

Acquista l’album su CD o file su
maxscordamaglia.bandcamp.com/album/siracusa-periferica-the-album



Altre info su
www.facebook.com/albertofotografia21

- - -

date: 21-03-2018 08:36

url: permalink

Fotobox umBAU

26-03-2017 17:49

url: permalink

Spezial-Fotobox „ umBAU zwischen Erinnerung und Entfremdung ", Nr. II. Die Box beinhaltet ein Original-Fotoprint auf Fineartpapier-Canson Rag 320 gedruckt , 20x20 cm , Editionen 1/3 , und ein Fotobuch. Die Auflage beschränkt sich auf 12 limitierte Editionen.

Box-Fotografico „ umBAU tra memoria e alienazione, Nr.II.
Il Box contiene una Stampa originale 20x20 cm nella tiratura di 1/3 su carta Canson Rag 320,un libro fotografico. Ledizione speciale é limitata a 12 Box.

Prezzo: 280. euro

IMG_1214.jpgIMG_1217.jpgIMG_1216.jpgIMG_1220.jpg

Fotobox Nicaragua

Spezial-Fotobox „ Nicaragua-Architektur des Alltags", Nr. I. Die Box beinhaltet ein Original-Fotoprint auf Fineartpapier-Canson Rag 320 gedruckt , 20x20 cm , Editionen 1/3 , und ein Fotobuch. Die Auflage beschränkt sich auf 12 limitierte Editionen.

Box-Fotografico „ Nicaragua-Architettura del Quotidiano, Nr.I.
Il Box contiene una Stampa originale 20x20 cm nella tiratura di 1/3 su carta Canson Rag 320,un libro fotografico. Ledizione speciale é limitata a 12 Box.

Prezzo: 280. euro
Preis 300.- CHF

IMG_3547.jpgIMG_3548.jpgIMG_3375.jpgIMG_3376.jpgIMG_3551.jpg

Libro / Buch

01-03-2017 17:42

url: permalink

umBAU zwischen Erinnerung und Entfremdung

umBAU tra alienazione e memoria

IMG_0643.JPG

Sogni venduti e fotografia ribelle

21-08-2017 13:24

url: permalink

di Alberto Sipione


Il mondo in cui viviamo, prima di tutto nel suo scenario materiale, si rivela di giorno in giorno sempre più stretto. Ci soffoca. Subiamo profondamente la sua influenza; reagiamo ad esso secondo i nostri istinti invece di reagire secondo le nostre aspirazioni. In una parola questo mondo comanda il modo di essere e cosi’ ci schiaccia. (Internazionale Situazionista Nr.2 , Dicembre 1958)

Nelle nostre città ci si annoia: la città vecchia è stata sepolta nella memoria, e la memoria nell'oblio, ma solo dopo la deportazione dell'Agorà nella suburbia delle schiere perfette dei centri multi-commerciali, dei palazzi alveare con le celle dormitorio.
I “sogni venduti“ delle quattro mura sicure, si sono infranti nel nulla sovraffollato, nel rovesciarsi progressivo delle pattumiere gonfie d'orgoglio che seppelliscono pure i servizi sociali intenti a cacciare via fumi mefitici .
Quanto sono improvvisamente lontani il mare ed il tempio del sole.

Le strade non sono più punto d’incontro creativo, di scambio e socializzazione, ma il tappeto di carboni ardenti da attraversare in fretta per rincasare nei fortilizi della solitudine. D'altronde a cosa servirebbe lasciarsi ustionare, indugiare nella contemplazione del massacro quotidiano d'ogni lembo d'umanità?...........

( leggi contributo completo sotto in PDF )

Acquista il libro da : http://www.massarieditore.it/

more: _Sogni_venduti_e_fotografia_Ribelle.pdf (70.83 KB)

FullSizeRender__1_.jpgFullSizeRender.jpg

La città alienante ovvero la riqualificazione

18-07-2017 00:23

url: permalink

Esce pubblicamente allo scoperta nel quotidiano la Sicilia del 15 Luglio 2017 il sindaco di Catania Enzo Bianco con i piani di riqualificazione „..i primi bandi del risanamento..“del quartiere San Berillo di Catania. I lavori saranno a carico della società Istica (Istituto immobiliare di Catania ) acquistata dalla Unicredit, banca che in Sicilia ha annunciato un taglio di 400 dipendenti del suo personale per esuberi. L’archistar sarà invece Mario Cucinella.
Bianco annuncia..“il grande sogno di tante generazioni di catanesi..“che invece siamo pronti a prevederlo fin da subito si trasformerà in un incubo per i molti e sarà invece fonte di introiti per i pochi „noti“.


Date a un uomo una pistola e lui può rapinare una banca. Date a un uomo una banca e lui può derubare il mondo.
(Anonimo)
......Leggi il testo intero come PDF

more: Sulla_gentrificazione_urbana_e_mentale.pdf (3.04 MB)

IMG_3135.jpg

Il felice carro funebre della fotografia

02-07-2017 18:26

url: permalink


Ci risiamo, anche quest’anno con l’estate arrivano i festival della fotografia, accompagnati dai concorsi fotografici. Ci si annoia tantissimo a leggere i programmi e l’organizzazione tutti uguali: mostre dei quotati vincitori del concorso x , letture portfolio, aperitivi, workshop etc: tutto ciò che si ascolta ed è noto all’interno della scena fotografica italiana. Ci si incontra, ci si vuole bene, poca critica e arrivederci all’anno prossimo. L’anno è stato aperto con l’incontro a Roma sugli stati generali della fotografia. Anche qui chi ha avuto l’opportunità di partecipare ha potuto stringere qualche mano benevola.

La fotografia italiana e non solo è quasi nella sua totalità al servizio della „società dello spettacolo“ , commercializzata e ridicolizzata. Fotografi emergenti ed organizzazioni, circoli di fotografia quando cominciano a fare un passo piu’ grande vengono, come altre discipline, risucchiati all’interno dell’economia della merce. Si diventa presto curatore, direttore scientifico, direttore artistico.
Ma la fotografia non conosce padroni , né confini, né padrini degli istituti finanziari e delle banche, sul sangue degli oppressi non si puo’ costruire nessun mondo davvero nuovo.

Ovunque la fotografia si giudica a colpi di dollari e non per i suoi contenuti culturali, eversivi.
I corsi di fotografia sono tutti incentrati sulla tecnica dello scatto, sulla post produzione, sulle modelle in prestito da fotografare. Qualcuno ha detto che qualsiasi stupido puo’ scattare una foto, allora perché pagare per il nulla? Per cio’ che puo’ essere imparato in un giorno?

La fotografia va imparata nella strada, nasce nei piedi, camminando, errando.Si impara nelle cantine con un buon vino rosso, magari cantando e sputando in faccia al primo padrone che si incontra per la pubblica via. A volte anche le giuste letture e la buona musica aiutano ad uno scatto pieno di bellezza. Si impara dagli uomini e donne in rivolta che hanno aperto gli occhi alla luce ,sognatori di un altro mondo da desiderare abbattendo il vecchio forcaiolo e spettacolare, contro l’idea della fotografia come merce estetica.

La sfida della fotografia è l’idea di un arte senza aura, di una comunicazione senza profeti, di una cultura senza sciamani; non si tratta di fare della scrittura fotografica una „religione della ragione“, ma détournare l’insieme dei linguaggi fotografici come maneggio di tutte le armi espressive..fare della propria epoca una gran festa funebre dell’apparenza.

Alberto Sipione, fine Giugno 2017

Apparso il 2 Luglio 2017 su :https://movimentoartevaporizzata.blogspot.it/

000.jpg

Alberto Sipione, Sulla Fotografia della Geografia Urbana, Pino Bertelli, Piombino Novembre 2016

“Noi non siamo affezionati al fascino delle rovine, ma le caserme civili che ci vengono innalzate al loro posto hanno una bruttezza gratuita che invoca i dinamitardi”.Potlatch, 1954

I. SULLA FILOSOFIA RADICALE DELLA FOTOGRAFIA
La filosofia radicale della fotografia non deve spiegare i sonni dogmatici della civiltà dello
spettacolo, ma se stessa… compito della fotografia radicale è costruire situazioni in conflitto
con la cattiva coscienza della fotografia mercatale e fiorire nel disinganno che ne consegue…
in questo senso la fotografia radicale diviene una critica della vita quotidiana che interroga la
società alienata e affina gli utensili necessari (anche i più estremi) per passare alla sua
trasformazione. I fotografi hanno già fotografato il mondo, si tratta ora di cambiarlo alla
radice.
...Leggi in PDF

more: Alberto_Sipione_2016.pdf (161.61 KB)

- - -

date: 08-01-2017 13:23

tags: Pino Bertelli, fotografia, situazionista, sipione, urbanismo,

url: permalink

FullSizeRender.jpg

Sulla Stupidità Fotografica

Contributo apparso su http://movimentoartevaporizzata.blogspot.ch
Alberto Sipione Luglio 2016

L'estate oltre che essere la stagione dei bagni al mare e delle passeggiate in montagna è pure la stagione dei festival ed incontri vari sulla fotografia. Ogni iniziativa spesso non è che la ripetizione noiosa di un già' visto. Grazie alla possibilità di diventare artisti- fotografi- curatori offerte dall'utilizzo strategico-propangadistico delle rete crescono in maniera esponenziale i geni della fotografia self-made, termine inglese, o fatti in casa.
....Leggi in PDF

more: stupidita__768__fotografica.pdf (74.18 KB)

- - -

date: 17-01-2017 00:53

tags: arte, fotografia, stupidità, critica fotografica, situazionismo, società,

url: permalink

Claude_Cahun_1939_Courtesy_of_the_Jersey_Heritage_Collections.jpg

search

pages

loading